Comune di Fardella

fardella
ORIGINI: XVII secolo
ALTITUDINE SUL LIVELLO DEL MARE: 745 m
ABITANTI: 601
CORSI D’ACQUA E LAGHI: fiume Sinni; torrenti Serrapotamo e Cannalia
LUOGHI DI INTERESSE STORICO-CULTURALE: chiesa di Sant’Antonio da Padova; palazzo De Salvo; centro storico; parco Barbattavio con sentieri naturalistici; Museo della Parola
SITO WEB: www.comune.fardella.pz.it

 

Le origini di Fardella dovrebbero risalire alla fine del 1600, quando alcuni cittadini di Teana si rifugiarono nelle terre del Principe di Bisignano, dando origine a un nuovo rione. Caratteristica del paese, grazie al terreno ricco di acqua, è il gran numero di fontane, sparpagliate in tutto il territorio  e spesso immerse nel verde, esterne e interne al centro abitato. Fra quelle ubicate in paese, la più nota è chiamata dagli abitanti “il Mascherone”, una vera e propria scultura: al lato destro di una piccola nicchia, entro la quale forse era posta un’immagine sacra o profana, si trova una maschera, simile a quelle delle tragedie greche, dalla quale un tempo fuoriusciva l’acqua.

Nell’antico frantoio di proprietà del Comune è stato realizzato il Museo della Parola, che ha come intento quello di recuperare, attraverso le più moderne tecniche multimediali, i racconti degli anziani di Fardella riguardanti la tradizione rurale, e legati alla vita di ogni giorno così come era vissuta nel passato. Importante, anche, il ruolo degli audiovisivi conservati nel museo, a futura memoria della lingua dialettale locale.