Comune di Senise

senise
ORIGINI: normanne, su insediamenti Romani
ALTITUDINE SUL LIVELLO DEL MARE: 335 m
ABITANTI: 7.400
CORSI D’ACQUA E LAGHI: fiume Sinni; torrente Serrapotamo; lago invaso artificiale di Monte Cotugno
LUOGHI DI INTERESSE STORICO-CULTURALE: Chiesa di San Francesco (XIII sec.); convento Cappuccini; castello normanno; palazzi gentilizi; centro storico; diga di monte Cotugno
SITO WEB: www.comune.senise.pz.it

 

La fondazione dell’abitato di Senise risale al periodo Normanno, quando fu costruito un primitivo Castello, dipendente dalla contea di Chiaromonte e parte di un complesso sistema difensivo. Dopo l’edificazione, alla fine del X secolo, del convento di San Francesco e il trasferimento del Castello in posizione più elevata, il tessuto urbano occupò l’intera collina dove è oggi Senise, formando un triangolo definito a valle dal torrente Serrapotamo e ai lati da due profondi valloni. All’interno di questo triangolo, chiuso da da cinta muraria, dominato dal Castello e dal Convento, le abitazioni sorsero assecondando la morfologia del suolo.

Senise è famosa per il suo peperone IGP, consumato principalmente essiccato e fritto, e per la diga di Monte Cotugno, la più grande d’Europa in terra battuta, con una superficie d’invaso di oltre 20 km quadrati. Integrati nel suggestivo contesto naturalistico dell’invaso artificiale ci sono un centro polisportivo circondato dalle maestose vette del Parco Nazionale del Pollino, e un osservatorio avifaunistico, arroccato sulla pendice di un promontorio che si affaccia sul lago attraverso una torre di avvistamento, eccellenza del territorio per l’osservazione della fauna e lo studio dell’ecosistema.